Termini di prescrizione del credito

Sembra assurdo, ma abusando della crisi che c’è nel nostro paese, alcune società di recupero credito si permettono di approfittare della buona fede di ignari clienti consumatori, cercando di recuperare crediti che magari si sono prescritti per Legge, commettendo così il reato di Molestia (art. 660 c.p.) e Truffa (art. 640 c.p.).

Prescrizione NuoveSoluzioniLa perdita del diritto alla riscossione del credito si determina nel caso in cui il proprio diritto non venga esercitato per un determinato periodo.

I tempi di prescrizione vengono definiti a seconda della tipologia del credito ed in generale, salvi i casi in cui la legge dispone diversamente, il credito si prescrive in 10 anni (art. 2946 c.c), per confermare la regola, calcola 10 anni e un giorno!!!

Il decorso della prescrizione del credito può essere interrotto con la notifica al debitore (tramite raccomandata A/R o email PEC) di un atto con cui il creditore manifesti in maniera esplicita la propria intenzione di interrompere il decorso della prescrizione oltreché, costituire in mora il debitore. Non ha nessun valore ricevere una lettera ordinaria! Quindi non impazzire inutilmente, lasciala andare nel dimenticatoio, l’unica cosa che puoi fare nel frattempo, è quello di accertarti di aver pagato; di poter dimostrare le ricevute di pagamento e se non hai pagato nulla che appunto siano passati i tempi della Legge sulla prescrizione.

Dalla data di ricezione di tale raccomandata A/R il termine di prescrizione ricomincerà a decorrere.

Di seguito specifichiamo meglio di quali tempi si parla in quanto, per alcuni diritti sono previsti termini di prescrizione molto più brevi rispetto all’ordinaria prescrizione decennale.

Si prescrivono in 5 anni:

– Le annualità delle rendite perpetue o vitalizie;

– Il capitale nominale dei titoli di Stato;

 – Le annualità delle pensioni alimentari;

 – Le pigioni delle case, gli affitti dei beni rustici e ogni altro corrispettivo di locazione;

 – Le bollette per utenze domestiche (luce, gas, acqua, telefono, rifiuti);

 – I bollettini – ricevute pagamento ICI;

– Le rate dei mutui;

– Le spese condominiali;

– Le spese di ristrutturazione;

– Le assicurazioni;

– Le dichiarazioni dei redditi, IVA e documentazione allegata;

 – Le multe

 – Gli interessi e, in generale, tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o in termini più brevi;

 – Le indennità spettanti per la cessazione del rapporto di lavoro;

 – I diritti che derivano dai rapporti sociali, se la società è iscritta nel registro delle imprese;

 – l’azione di responsabilità che spetta ai creditori sociali verso gli amministratori;

– Il diritto al risarcimento del danno derivante da fatto illecito (2 anni per i danni occorsi dalla circolazione dei veicoli)

Si prescrivono in 3 anni:

 – La tassa automobilistica di circolazione comunemente definita “BOLLO AUTO”. In realtà, in tre anni + uno, devono decorrere quindi quattro anni.

  – Il diritto dei prestatori di lavoro, per le retribuzioni corrisposte a periodi superiori al mese (decorrenti dalla data di cessazione del rapporto);

 – Il diritto dei professionisti, per il compenso dell’opera prestata e per il rimborso delle spese correlative;

 – Il diritto dei notai, per gli atti del loro ministero;

 – Il diritto degli insegnanti, per la retribuzione delle lezioni impartite a tempo più lungo di un mese.

Si prescrive in 1 anno:

– Il diritto del mediatore al pagamento della provvigione;

 – I diritti derivanti dal contratto di spedizione e dal contratto di trasporto. Se tuttavia il trasporto ha inizio o termine, fuori d’Europa, la prescrizione è di 18 mesi.

 – I diritti verso gli esercenti pubblici servizi di linea;

 – Il diritto al pagamento delle rate di premi assicurativi RC, furto e incendio. Tutti gli altri diritti derivanti dal contratto di assicurazione o di riassicurazione si prescrivono in 2 anni;

 – Il diritto degli insegnanti, per la retribuzione delle lezioni che impartiscono a mesi o a giorni o a ore;

 – Le rette scolastiche;

– Gli abbonamenti a palestre, piscine e centri sportivi;

 – Il diritto dei prestatori di lavoro, per le retribuzioni corrisposte a periodi non superiori al mese;

 – Il diritto di coloro che tengono convitto o casa di educazione e di istruzione, per il prezzo della pensione e dell’istruzione;

 – Il diritto degli ufficiali giudiziari, per il compenso degli atti compiuti nella loro qualità;

 – Il diritto dei commercianti, per il prezzo delle merci vendute a chi non ne fa commercio;

 – Il diritto dei farmacisti, per il prezzo dei medicinali.

Si prescrive in 6 mesi:

–  Il diritto degli albergatori e degli osti per l’alloggio e il vitto che somministrano;

–  Il diritto di tutti coloro che danno alloggio con o senza pensione.

Inutile dire che se hai bisogno di una Consulenza a riguardo o hai bisogno di fare un’opposizione non esitare a contattarmi scrivendo a info@nuovesoluzioni.net.

Fai buon uso di questo articolo condividilo, affinché cessi l’abuso di certune Società di recupero crediti o agenti della riscossione, che lucrano sulla buona fede e quindi dell’ignoranza delle persone!!!

                                                                                              Maurizio Pirrone

Potrebbe interessarti:
Anomalie Bancarie: Usura e Anatocismo

Lascia un commento